lunedì 30 luglio 2018

Omicidio-suicidio: a Trissino «manca una riflessione collettiva»

(m.m.) Oggi Vicenzatoday.it pubblica una lunga analisi realizzata sul campo dal sottoscritto. Il tema è quello del doppio fatto di sangue andato in scena venerdì 27 luglio a Trissino nel vicentino. Sullo stesso quotidiano sono andate in onda anche tre video-interviste realizzate in loco da Pietro Rossi grazie alle quali si è fatto un primo punto su una vicenda che merita di essere ulteriormente approfondita. Fra queste spicca la testimonianza a caldo del primo cittadino Davide Faccio nonché il duro giudizio sulla comunità locale distillato dall'ex consigliere comunale Massimo Follesa. Il quale non lesina qualche riferimento anche a tre vicende distinte tra loro che hanno comunque riguardato il comune della valle dell'Agno: la questione della Pedemontana Veneta, l'affaire Miteni e l'interdittiva antimafia patita di recente da una pizzeria del posto. Nell'intervento di Follesa viene tra l'altro posto un accento particolarmente marcato sul dramma dei suicidi ricorrenti che da anni investono Trissino e la valle dell'Agno.

LEGGI L'ANALISI DI MARCO MILIONI
GUARDA L'INTERVISTA AL SINDACO DAVIDE FACCIO
GUARDA L'INTERVISTA A MASSIMO FOLLESA
GUARDA L'INTERVISTA RACCOLTA IN PAESE

lunedì 23 luglio 2018

Caso Pfas, Il Noe alla Miteni

(m.m.) Stamani i Carabinieri del Noe di Treviso, (forse accompagnati da una squadra di Arpa, ma la circostanza è da confermare), hanno varcato i cancelli della Miteni di Trissino, da mesi al centro di uno scandalo ambientale di portata nazionale. I militari sono usciti dallo stabilimento alle 11,25 a bordo di due autovetture: la prima con le insegne del corpo e la seconda un'auto bianca con livrea civile. Al momento rimangono da capire i motivi della visita anche perché i militari all'uscita dei cancelli hanno tirato dritto per la loro strada. I carabinieri ambientali del Noe trevigiano per conto della magistratura berica da tempo stanno investigando sulla contaminazione da derivati del fluoro che ha colpito il Veneto centrale e che secondo Arpav è da addebitare proprio a Miteni, la quale peraltro è al centro anche di accertamenti amministrativi. 

lunedì 16 luglio 2018

Spv, i comitati scrivono ai ministri

(m.m.) «Chiediamo alle istituzioni, e in particolare ai Ministri dei Trasporti e dell’Ambiente, di intervenire tempestivamente sulle procedure di competenza connesse alla Spv, per ripristinare la correttezza e la legalità, ad avviso di molti cittadini e associazioni ripetutamente violate su aspetti strutturali del progetto Spv». È questo uno dei passaggi chiave di una lunga missiva indirizzata al governo da un gruppo di associazioni del territorio. Che in tema di Pedemontana da anni si battono contro il progetto caldeggiato dalla Regione Veneto.

Il testo integrale è stato reso noto oggi da Osvaldo Piccolotto, uno dei volti storici della contestazione alla superstrada che dovrà unire Spresiano nel Trevigiano a Montecchio Maggiore nel Vicentino. Anche se per vero lo stesso testo in gran parte era già stato ampiamente illustrato durante un briefing tra le associazioni e coordinamenti organizzato il 14 luglio a Treviso nella sede locale di Italia Nostra.

Il testo, estremamente critico nei confronti della convenzione che regola i rapporti tra il concessionario dell'opera, ovvero la italo-spagnola Sis e il concedente, ovvero la Regione Veneto, si spinge a chiedere, tra le altre, di verificare «le autorizzazioni e gli adempimenti previsti dalla normativa vigente, anche in sede europea» nonché la corretta «realizzazione dell'opera e i previsti monitoraggi ambientali».

mercoledì 4 luglio 2018

L'eccesso di turismo su Venezia ed altre città del mondo: il documentario

(m.m.) Massificazione, speculazione edilizia e fondiaria, perdita di identità, drammatica riduzione della qualità della vita, estraniazione: sono questi e non solo questi, gli effetti del turismo di massa sulle realtà fragili e meno fragili del pianeta tra le quali spicca Venezia, la cui immagine è pesantemente offuscata da un approfondimento che non fa sconti. È questa, in estrema sintesi, la trama di un video-documentario pubblicato ieri sul portale in lingua inglese Responsibletravel.com. Tra le testimonianze incluse dall'autore Justin Francis c'è anche quella del noto fotografo Thomas Egli, che con le sue immagini ha documentato gli effetti derivanti dall'eccesso di flusso turistico in Indonesia. Ma a finire nel mirino dell'autore ci sono anche le compagnie aeree, che moltiplicando a dismisura le offerte a basso costo, costituiscono di fatto uno dei fattori di questa particolare forma di antropizzazione descritta come ormai fuori controllo...

GUARDA L'INTERO VIDEO
LEGGI LA SCHEDA MULTIMEDIALE

martedì 3 luglio 2018

L'alleanza di governo tra Lega e Cinque Stelle in Veneto diventa un duello: e il Pd chiede più chiarezza

La Pedemontana, opera da 2,25 miliardi di euro, sta diventando sempre più oggetto di contesa tra due forze politiche, la Lega e il Movimento Cinque Stelle, che mentre a Roma firmano il contratto di governo, a Venezia incrociano le armi della polemica. Nel frattempo il Pd chiede chiarezza: «Non si prendano in giro i veneti», è l'ammonimento del capogruppo del Pd in consiglio regionale, Stefano Fracasso.Il duello Lega-Cinque Stelle si è rinfocolato nei giorni scorsi quando il governatore Luca Zaia, dopo l'incontro con il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli, aveva espresso una sostanziale tranquillità sul futuro della Pedemontana. «Non è proprio così - ha replicato Jacopo Berti, capogruppo dei Cinque Stelle in consiglio regionale - Mi risulta che il ministro Toninelli sia molto perplesso perché sul suo tavolo ci sono i nostri dossier, con una fotografia assai diversa della realtà rispetto a quella di Zaia». Il M5S ha annunciato l'elaborazione di un piano B, cioè una consistente variazione del progetto per «ridurre l'impatto ambientale», e una revisione «del piano finanziario con Sis per evitare che il Veneto in 39 anni versi 12 miliardi ai privati».

Da Pontida, l'altro giorno, Zaia ha ribadito la posizione: «Voglio capire chi avrebbe il coraggio di fare una firma su un decreto pensato per rimacinare il cantiere e ricoprirlo con l'erba». «Sulla Pedemontana - ha aggiunto il governatore del Veneto - vedo difficile ipotizzare cambiamenti. Se qualcuno dice basta, deve rendersi conto che il danno ambientale è pauroso».

A sostegno della Pedemontana si esprime Antonio De Poli, senatore Udc: «Il centrodestra non può fare sconti al ministro. La Pedemontana è fondamentale per lo sviluppo economico e produttivo del territorio. Non si può pensare di fermarla. L'analisi costi-benefici di cui parla il ministro non può diventare una scusa per ridiscutere tutto», conclude De Poli il quale, peraltro, nei giorni scorsi, ha presentato un'interrogazione parlamentare al ministro Toninelli chiedendo di valutare la possibilità di revocare la concessione in atto e «di prendere in considerazione il progetto preliminare di Veneto Strade».

«Non si prendano in giro i veneti - interviene Fracasso - per riprogettare l'opera bisognerebbe modificare il contratto attuale con il concessionario Sis. Prima di parlare di revisione del progetto si dica chiaramente se il ministro Toninelli intende chiedere al presidente della Regione la risoluzione del contratto, e Zaia dica chiaramente se in questo caso lo farebbe. Il tutto mettendo nero su bianco tempi, costi, risparmi e penali. Se invece è solo fuffa, e io penso che sia così, ci sia risparmiato questo gioco delle parti».

da Il Giornale di Vicenza del 3 luglio 2018; pagina 10